MARZO 2021 - VARIANTI VIRUS E NUOVE CHIUSURE

La sezione speciale del forum per discutere, confrontarsi e supportarsi nella gestione dell'epidemia da COVID19 e durante tutta la ripresa dei prossimi mesi.
Rispondi
Avatar utente
[MICHAEL]
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 9729
Iscritto il: 10 luglio 2006, 15:59
Contatta:

MARZO 2021 - VARIANTI VIRUS E NUOVE CHIUSURE

Messaggio da [MICHAEL] » 4 marzo 2021, 17:40

Sta per partire il nuovo DPCM del "nuovo" governo e ancora una volta ci scontriamo con i soliti problemi.
I vaccini stanno arrivando (e si stanno facendo) a rilento nel nostro paese a differenza di nazioni più solerti in tutte le procedure che, si sa, da noi non sono mai state un fiore all'occhiello. 3/4 dell'Italia si trova ora in zona arancione, insomma in semi-lockdown e si avvia a diventare nel prossimo futuro un'intera zona rossa nell'estremo tentativo di riuscire a salvare almeno la prossima estate 2021.

I pochi ristori arrivati alle molte attività che hanno patito per tutto il 2020 sono risultati del tutto insufficienti e con il nuovo decreto si cercherà di affrontare il problema in un modo si spera più "sistemico" uscendo dalla logica (poco logica) dei codici ATECO. Nel frattempo l'economia arranca, i contagi tornano ad aumentare nuovamente e nuovi e pericolosi focolai sembrano interessare intere zone estremamente popolose con il rischio di avere l'ennesimo effetto domino sulla sanità nazionale.

Unica zona franca in questo momento la Sardegna, ma per quanto? E a quale prezzo se poi si ha paura che il resto d'Italia porti sull'isola il contagio?
Insomma ci aspettano ancora diversi mesi difficili. Intanto stiamo decidendo di muoverci forse un po' più autonomamente per cercare i vaccini migliori e i più disponibili senza attendere il carrozzone Europeo... sarà la soluzione?

Certo è che per tornare ad una sorta di normalità 3/4 della popolazione dovrà essere vaccinata, ma sopratutto non dovranno arrivare nel nostro paese nuove varianti di questo virus maledetto che ad ogni nostra mossa sembra studiarne una nuova per fregarci.

Insomma, ancora lacrime e sangue per i prossimi mesi. Nella speranza di arrivare al prossimo autunno si spera un po più liberi. Ma sopratutto ancora sani.

Incrociamo le dita... come del resto facciamo da un anno a questa parte. :-?

Daniele/MMi

Rispondi