7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Dove i fans sono i protagonisti, raduni, eventi, viaggi e possibilità di mostrare la propria passione per Michael. Lascia i tuoi contatti social: Skype, Messenger, Facebook, Instagram, Tik Tok, Whatsapp o Linkedin!
Rispondi
Barbara/Saetta
Utente certificato
Utente certificato
Messaggi: 3168
Iscritto il: 11 luglio 2006, 14:04
Località: Milano
Contatta:

7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Messaggio da Barbara/Saetta » 13 febbraio 2007, 14:28

"Christian Marks" biografo di Michael
ha scritto:

"Michael Jackson - King of Pop"
(l'ultimo librone nero)

Stefan - Al momento il tema più controverso per quanto riguarda Michael jackson è senz'altro in documentario "Living With Michael Jackson". Qual'è la sua impressione per il film di 90 min e come ha preso le reazioni che il film ha sollevato in tutto il mondo?

Christian - Le mie impressioni sono state che all'inizio il film è stato proposto bene - Nella prima parte penso che Michael è stato presentato come una persona veramente molto simpatica ed anche Michael si è proposto molto bene. Ma quando si proveniene dal ramo come me, si capisce subito, che dalla seconda parte il film ha cambiato orientamento. La storia diventa sempre più sottile. Bashir sapeva, che se voleva vendere il suo film , doveva produrre anche il suo scandalo. Pertanto Bashir con le sue dichiarazioni tenta di suggerire qualcosa che in effetti non esiste. Doveva trovare una "brutta"storia su Michael Jackson, perchè una documentario senza cotenenuti spettacolari sul caro Michael Jackson non sarebbe stato acquistato da nessuna emittente. In questo caso Martin Bashir giornalisticamente ha lavorato molto sporco. Certa disperatamente una storia, che non esiste. Cosa che personalmente ho trovato straordinario da parte di Michael , è che non si è mai lasciato portare sul filo di dire :"Io dormo con bambini nello stesso letto!". Lui ha sempre chiaramente dichiarato, che ha dormito con bambini nello stesso ambiente, ed eventualmente sul pavimento, nonostante molte sapienti controdomande di Bashir. Ma Martin Bashir ha presupposto dalle risposte di Michael, che avesse dormito nello stesso letto. Con questa dichiarazione falsata, ha cercato di vendere la sua storia. Principalmente trovo tutta l'eccitazione suscitata molto positiva ed è proprio l'atmosfera che ci vuole, per portare sul mercato un nuovo CD. E' comunque interessante stabilire che Michael Jackson è tutt'ora un così forte argomento di conversazione. Quale altro artista, dopo unnn'assenza così lunga dal mondo musicale, riesce ad avere un così grande interesse come Michael Jackson? Da questo si vede che lui è una vera star mondiale.

Stefan - Lei pensa che con la controintervista "Take Two" sia riuscito a bilanciare o addirittura portare in positivo il danno.

Christian - Per prima cosa devo dire, che è stata una cosa grandiosa, realizzare un film così buono in così poco tempo. Qui c'è la mano del nuovo manager di Michel, perchè non penso che in passato si sia potuto fare una cosa del genere in così poco tempo. Prima tutti si sarebbero sotterrati e le speculazioni sarebbero rimaste.
Seconda cosa, poichè si è dimostrato con quali metodi Martin Bashir ha lavorato, il primo film si è rivelato completamente non credibile, perchè ognuno ha potuto constatato che le risposte di Bashir non erano in argomento, vale a dire che sono state falsate di proposito. Riassumendo direi che l'aspetto positivo della prima parte del film di Bashir, dove Michael appare una persona di cuore e molto gentile, unite ai fatti del secondo film, in definitiva diano una visione positiva di Michael. E se si valuta l'eco dei media sollevato dopo il secondo film, ci si accorge che le accuse dopo la messa in onda del secondo film , non sono più state sollevate. I media sono passati al positivo e non hanno più parlato dei probabili scandali e sono comunque diventati più cauti.


Stefan - Lei era presente in entrambi gli special trasmessi dalle TV tedesche, sia RTL, che Sat 1. Cosa ne pensa delle due trasmissioni e come ha cercato di difendere Michael prima della messa in onde degli stessi?

Christian - Per lo special presentato da Sat 1 (Akte 03) la preparazione da parte della redazione è stata più professionale. Invece per quanto riguarda RTL, ho avuto l'impressione che il conduttore Oliver Geissen, non avesse la preparazione adeguata allìargomento. Poichè ho lavorato come moderatore in TV ho potuto valutarlo. E mi sono pertanto anche accordo che il moderatore di Sat 1, Ulrich Meyer si era informato di più sull'argomento. Alle domande che sono state fatte durante la preparazione dello special ed a qualle che sono poi state fatte durante la trasmissione, mi sono accorto che SAT1 avva fatto delle ricerche più approfondite.
Per esempio Sat 1 per ogni ospite della trasmissione aveva un dossier con delle infornmazioni precise sulla persona per poterle introdurre ottimalmente nella trasmissione. Da RTL mi è sembrato di essere "inciampato" nella trasmissione. I pezzi delle registrazioni sono stati trasmessi senmza una prsentazione ed io ero già andato. Sat 1 si è preso più tempo per prepararsi più profondamente all'argomento.
Già durante la preparazione avevo cercato di dare un'impronta più positiva a Michael, per esempio avevo offerto loro di usare sia foto che pezzi presi dal mio libro. Inoltre prima della trasmissione Akte 03 in un lungo discorso avevo spiegato dettagliatamente la situazione di michael. Ho partecipato anche ad una riunione della redazione. Quel giorno ero a Berlino ed ero ospite della trasmissione mattutina e da lì sono andato subito allo studio di Akte 03 ed ho parlato con i redattori spiegando tutti i retroscena. Ho passato tutto il pomeriggio con loro ed ho cercato di portare l'andamento della trasmissione nella giusta direzione.
Inoltre prima della messa in onda dello special su Sat 1 ci sono stati lunghi colloquoi con gli ospiti. A volte mi sono sentito l'avvocato difensore di Michael jackson oppure come il suo poravoce. Ci sono state anche discussioni calde nelle quali ho cercato di spiegare come stavano realmente le cose. Ho detto: "Voi sbagliate completamente - Questi sono i fatti!" Specialmente il chirurgo Dr. Werner Mang, durante la trasmissione aveva un'opinione completamente negativa. E prima avevamo parlato insieme per circa un'ora! Confrontando quello che ci siamo detti con quello che poi ha detto intrasmissione, mi sembrava che avesse mangiato del gesso (espressione tedesca, che vuol significare uno che non ha capito niente).
Mi aveva raccontato che era amico del Dr. Hoefflin e che giocando insieme a golf, gli aveva parlato spesso di Michael. Ho poi fatto vedere al Dr. Mang delle foto prese dal mio libro e gli ho detto: " Guardi, non si è modificato nulla! E' diventato so,lo più magro." Ed anche il Dr. Mang non sapeva cosa dire. Anche lui non sa al 100% delle notizie sulle oprazioni chirurgiche di Michael. Lui presuppone! Comunque le discussioni prima della trasmissione sono state più elettrizzanti, che poi nello studio. Per fortuna è servito poi a qualcosa.

Stefan - Lei racconta sempre di episodi personali con Michael. Quando lo ha incontrato per la prima volta e secondo lei quale è stato l'episodio più aclatante con Michael?

Christian - L'ho incontrato iù volte in tutto il moondo. La prima volta l'ho incontrato a NY nel gennaio del 2001. L'episodio più bello e pieno di suspance è stato a Londra nel giugno del 2002 con mio figlio Julian, che ora ha 10 anni. Sono stato testimone di come i fan hanno superato gli sbarramenti e si sono precipitati verso Michael, ma nella loro traiettoria si trovava il mio delicato Julian, che rischiava di essere travolto. Ma subito Michael istintivament e protettivamente lo ha preso tra le sue braccia e lo ha portato all'ascensore più vicino. In quell'occasione ho visto per la prma volta la persona Michael jackson, che in quella situazione non ha pensato a se stesso, ma che ha visto : qui un bambino è in pericolo... Queste cose non si possono fingere. Questo episodio mi ha convinto. Queste cose non possono venir programmate prima e dimostrato che lui è veramente una persona molto buona e responsabile. Per questo motivo posso stare sempre al suo fianco o davanti per difenderlo con tutto il cuore: con piena convinzione.

Stefan - Visto che lei ha accennato a questo brutto episodio, mi intersserebbe sapere, cosa pensa Michael dei fan, che ogni volta lo aggrediscono , che scavalcano le transenne...come si sente Michael in quelle situazioni?


Christian - Sono rimasto sorpreso della razione di Micahel. Io ero nervoso ed agitato. Lui era il più tranquillo di tutti. Ma naturalmente non fa vedere che la cosa lo disturba. E' stato così anche in novembre a Berlino per la premiazione dei Bambi. Al suo arrivo all'Hotl Adlon, i fan si sono precipitati verso di lui e gli hanno calpestato un piede, per questo motivo durante la premiazione zoppica un pochino. Il giorno dopo si era fatto portare in giro con una sedia a rotelle, perchè gli faceva male. Ma durant la premiazione nessuno si è accorto di nulla. Questo dipende anche dalla sua gioventttù e dalla sua educazione. Doveva sempre andare sul palco e presentare il suo numero. Ed anche a berlino aveva dtto: "Devo andare sul palco!" Per lui è un dovere. Forse una piccola componente prussiana in lui... Naturalmente trova che sia terribile quando succedono certe cose come a Londra, quando tutta quella folla si dirige verso di lui. Preferirebbe poter dialogare con i suoi fan oppure andare tranquillametne verso di loro, dare autografi. Ma questo non è possibnile. Lui è sempre cacciato come se fosse un animale.

Stefan - Il suo libro "Micahel Jackson - King of Pop " è la prima biografia autorizzata personalmente da Michael e nello stesso tempo il libro ufficiale per la commemorazione dei suoi 30 anni di carriera. Inche modo M ichael ha partecipato alla stesura del libro?

Christian - Molto più di quanto io inizialmente avevo pensato o programmato. Quando gli ho fatto vedere la prima versione del libro, lui lo ha guardato tutto e poi mi ha dtto che gli piaceva, ma che avrei ricevuto le giuste foto da inserire. In seguito a ciò il libro è diventato il doppio. Per il libro ha aperto la sua enorme collezione privata di foto. Ha scelto eprsonalmente le foto ed ha letto ogni pagina del libro. Ha espresso anche dei desideri di cambiamenti ed ha veramente partecipato intensamente al lavoro. La cosa più bella è che ha detto, che vorrebbe realizzare un secondo libro. Un libro privato SOLO con foto private. Questo dimostra che ha fiducia in me e che gli piace come lavoro. Vuole che realizzo un libro su Michael in privato, meno sulla sua carriera, per il quale vuole collaborare ancora di più.


Stefan - Ma coma ha fatto a diventare il biografo ufficiale di Michael?

Christian - Io ho una casa editrice, che stampa libri e periodici e per motivi di lavoro ho partecipato ad una cena, durante la quale ho conosciuto delle eprsone, che avevano detto: "Conosciamo un buon amico di Michael jackson. Tra poco lui festeggerà i 30 anni di carriera." Poichè la serata si era rivelata alquanto noiosa, ho domandato se per le commemorazioni della sua carriera era già stato pensato ad un libro. La resposta è stata. :"No, ma chiederò!" Ho ricevuto poi una telefonata che diceva: "Idea eccezionale!" Non era stato ancora programmato un libro e mi hanno domandato come si poteva fare e così ho spiegato come si produceva un libro del genere. Si può pertando dire: Nel momento giusto, al posto giusto, le domande giuste...

Stefan - Si è divertito nel lavorare a questo libro? Lei è riuscito a sapere qualcosa di nuovo su Michael Jackson, vale a dire, ha scoperto qualcosa?

Christian - Il libro ha cambiato un po' la mia vita. Dal progetto "libro" è nato un vero e proprio "compito", che mi ha divertito molto. Mi sono tuffato solo poco per volta in tutto il mondo di ichael. prima non avevo la più pallida idea, di tutto quello che circonda Michael. Nel frattempo sono diventato un punto di riferimento per molti fan e per i media, che cercano delle informazioni. Scambio volentieri delle opinioni con i fan, perchè sono tutti molto gentili ed educati. In questo modo il lavoro piace. In questo modo, Michael jackson è diventato un membro virtuale della famiglia, perchè lui è sempre presente: notte e giorno ricevo delle telefonate riguardanti Micahel ed il libro.

Stefan - Per quanto tempo ha lavorato al libro?

Christian - Ho incominicato nel 2001 e ci è voluto un anno per terminarlo. Ma il lavoro non è finito. Con la prossima ristampa del libro "Michael Jackson - King of Pop", ci sarà un aggiornamento. Verranno scambiate delle pagine ed aggiunte ulteriori 30 pagine. Fino ad oggi il libro è in continua lavorazione.

Stefan - Bene, una specia di storia infinita di Michael Jackson. E' però un peccato che il libro non si possa trovare regolarmente nelle librerie, e che sia reperibile solo con ordinazioni telefoniche sul sito www.mj-books.com . Non è prevista una cosa del genere neppure per il futuro, magari senza la dedica personale , ma all' ingrosso?

Christian - Ma non è vero. Già iora il libro è reperibile nelle librerie. Se un fan va in una libreria, lo può prenotare. Così riceverà il libro dalla libreria e non inviato da noi. In questo modo però non avrà naturlmente la dedica e neppure il nunmero di protocollo. Una versione all'ingrosso sarà programmata forse per il futuro.
Per il momento basta un fax al numero (+49 [0]8134-555066), oppure una lettera ed il libro viene spedito per posta. (Comm di B.: IN Italia il libro è reperibile presso Michaelmania)

Stefan - Il messaggio audio con il quale Michael in persona saluta i suoi fan è un'asoluta innovazione nel mercato librario. Cosa ne pensa Michael di questa cosa?

Christian - E' una cosa molto divertente. Ma qusta è proprio la cosa che lo ha soddisfatto di più in tutto il libro. Esiste anche un video di Michael a Berlino, quando regala a Hubert Burda, l'organizzatore dei Bambi, uno di questi libri dicendo:"Schiaccia il bottone, schiaccia il bottone!" (il video lomtrovate su mj-books.com )

Stefan - Purtroppo nel frattempo il messaggio non funziona più in molte copie. Nelle prossime edizioni sarà possibile arrivare alle batterie in modo da cambiarle?

Christian - Questo è stato un problema solo delle prime copie in tedesco. Nell'edizione in inglese non c'è nessun problema ed anche la qualità è migliore. Il problema era che le batterie erano troppo deboli. Per quelli che hano uno di questi libri difettosi possono richiedere il cambio gratuito con quelli nuovi.

Stefan - In futuro sono programmati altri lavori con Michael?

.

Christian - La nuova edizione della biografia di Michael jackson uscirà a mtà 2003. Quando sarà scritto, prima devo sottoporlo a Michael. Lui farà certametne di nuovo dei cambiamenti. Solo quando per Michael sarà tutto a posto andrà in tipografia. Per questo lavoro ci vorranno circa 2 mesi, vuol dire che si potrà trovare la nuova edizione solo per il mese di agosto 2003. Nel libro ci saranno così tutte le novità fino ad oggi. Le dimostrazioni contro la Sony, il suo soggiorno di svariati giorni a Londra 2002, la premiazione dei Bambi e naturalmente il documentario di Bashir con tutto il seguito.

Stefan - Per quanto riguarda Ischgl, cosa era stato effettivamente programmato e quando e perchè c'è stata la rinuncia?

Christian - Posso dirvi esattamente che Michael voleva cantare ad Ischgl. Voleva cantare "Heal The World", "We Are The World" e "The Lost Children", pertanto niente di nuovo. La partecipazione di Michael era stata proposta dal suo nuovo manager Dieter Wiesner. Fino all'ultimo si è tentato di salvare l'evento, ma tutto l'insieme non era accettabile. Il sabato,5.4 atutti era chiaro che Michael non sarebbe venuto.

Stefan - Come è il suo contatto con Micahel ed il suo manager? Quando ha parlato per l'ultima volta con Dieter Wiesner e Michael? E come sta attualmente Michael?

Christian - Ho avuto un contatto molto stretto con Dieter Wiesner. Lui come primo manager è ora molto vicino a tutto quello che succede ed io se non ho proprio bisogno urgentemente di lui non lo disturbo. Ha abbastanza altre cose da fare. Ho comunque parlato con lui per l'ultima volta, ieri. Come sta Michael? Tutto a posto, tutto a meraviglia. Lui sarebbe andato volentieri ad Ischgl. Se tutto fosse andato come era stato previsto inizialmente e come Michael si era immaginato che dovesse essere "Message From The Mountains". Lui verrebbe subito. Praticamente è seduto sulle valige pronte. (appunto dell'intervistatore : l'intervista è stata realizzata il 7.4.2003)

Stefan - Le informazioni sul futuro di Micahel come artista si intensificato. Cosa sa lei sui programmi futuri di Micahel? Sul nuovo disco che dovrebbe essere in lavorazione?

Christian - Per quanto riguarda la musica, ci sarà qualcosa di nuovo. Negli ultimi tempi è stato in studio di registrazione con Barry Gigg dei Bee Gees, a Miami ed hanno registrato una nuova canzone. Michael programma qualcosa di nuovo. Ed un tour è definitivamente in programmazione. Michael si sta preparando per un grande rietro. Personalmente penso sia anche il momento giusto, poichè al momento è sulla bocca di tutti.


Stefan - Ultima domanda, che interessa a tutti i fan. Cosa è successo con la Sony? L'anno scorso a Londra, Michael ha comunicato il suo addio dalla Sony e la realizzazione di un Boxsets con 2 canzoni inedite, che dovrebbe rappresentare il suo ultinmo lavoro per loro. Ma fino ad oggi non se ne è più parlato. Cosa è successo?

Christian - So cosa è successo, ma purtroppo non mi è consentito parlarne. Mi dispiace. Non c'è comunque molto da dire, ma non posso dire nulla.

(Seguono i ringraziamenti da ambo le parti)
Immagine

Immagine

Barbara/Saetta
Utente certificato
Utente certificato
Messaggi: 3168
Iscritto il: 11 luglio 2006, 14:04
Località: Milano
Contatta:

Re: 7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Messaggio da Barbara/Saetta » 26 agosto 2012, 18:28

Una buona lettura per il rientro dalle vacanze,

tin3zenit
Messaggi: 22
Iscritto il: 8 giugno 2010, 12:10

Re: 7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Messaggio da tin3zenit » 16 marzo 2013, 23:59

"IN Italia il libro è reperibile presso Michaelmania) "...quindi è disponibile ? è solo in inglese ? qualcuno l'ha letto e mi può dare delle delucidazioni ?

Avatar utente
[MICHAEL]
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 9925
Iscritto il: 10 luglio 2006, 15:59
Contatta:

Re: 7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Messaggio da [MICHAEL] » 17 marzo 2013, 11:09

è un topic del 2003.... il libro è esaurito da tempo ormai...

Daniele/MMi

Samy
Utente certificato
Utente certificato
Messaggi: 1989
Iscritto il: 11 luglio 2006, 20:49
Località: Bardolino - Vr

R: 7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Messaggio da Samy » 17 marzo 2013, 13:15

Peccato... Nessuna riedizione? :(
Grazie Barbara

Inviato dal mio GT-I5800 usando Tapatalk

Avatar utente
[MICHAEL]
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 9925
Iscritto il: 10 luglio 2006, 15:59
Contatta:

Re: 7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Messaggio da [MICHAEL] » 18 marzo 2013, 15:34

si è stata fatta qualche anno più tardi in versione più economica... ma difficile trovarla, forse su amazon.

Daniele/MMi

Samy
Utente certificato
Utente certificato
Messaggi: 1989
Iscritto il: 11 luglio 2006, 20:49
Località: Bardolino - Vr

R: 7.4.2003 - Intervista a Christian Mark

Messaggio da Samy » 18 marzo 2013, 21:04

Thanks :grin:

Inviato dal mio GT-I5800 usando Tapatalk

Rispondi